L’ossigenazione cellulare nell’obesità e nel sovrappeso.

L’obesità e il sovrappeso sono due dei disturbi alimentari che colpiscono quasi un terzo della popolazione mondiale.

Questi disturbi, oltre a creare problemi a livello psicologico, provocano danni fisici ancora maggiori. Infatti, i soggetti che hanno un IBM (indice di massa corporea) superiore a 30, sviluppano spesso malattie cardiovascolari, disfunzioni epatiche, Diabete e addirittura possono sviluppare determinati tipi di cancro.

Oltre a queste tipologie di patologie, ve ne sono altre abbastanza gravi causate dal peso eccessivo, che sono quelle a carico del sistema respiratorio.

Per ovviare al problema respiratorio, ma anche per accelerare il metabolismo basale e quindi aiutare a smaltire massa grassa e peso eccessivo, esistono dei rimedi naturali e poco invasivi, atti ad aumentare la quantità di ossigeno nell’organismo.

Cosa sono obesità e sovrappeso?

Prima di parlare dei rimedi per ovviare a questi problemi, bisogna conoscere cosa sono e come la carenza di ossigeno, meglio conosciuta come ipossia, può aggravare la situazione.

  • L’obesità è una condizione fisica caratterizzata da un eccessivo peso corporeo. L’eccesso di peso è dovuto ad un accumulo di tessuto adiposo. I fattori scatenanti possono essere di tipo genetico, endocrino, metabolico e soprattutto per un eccesso calorico dovuto all’ingestione eccessiva di cibo durante l’arco della giornata, oltre che una carenza di ossigeno che impedisce di bruciare gli zuccheri accumulati nella giornata. È una condizione fisica che spesso diventa patologica influendo infatti, in maniera negativa sullo stato di salute della persona perché aumenta il rischio di contrarre varie patologie oltre che peggiorare la qualità di vita globale dei soggetti obesi.
  • Il sovrappeso è una condizione fisica caratterizzata da un moderato eccesso di peso corporeo, quindi meno grave rispetto all’obesità. La condizione di sovrappeso è molto più diffusa rispetto all’obesità, soprattutto nella popolazione mondiale dove lo stile alimentare è basato su cibi industriali e su uno stile di vita basato sulla sedentarietà. La condizione di sovrappeso non va presa alla leggera perché, se trascurata può portare facilmente alla condizione di obesità.

Come obesità e sovrappeso siano la causa dell’ipossia

L’ipossia oltre ad essere una delle cause principali del sovrappeso eccessivo e ancor più l’obesità viscerale, è anche una spiacevole conseguenza, con la conseguente limitazione della respirazione diaframmatica. In questo modo il respiro superficiale non è in grado di attivare i normali volumi di aria e, quindi, di ossigeno.

Inoltre, l’obesità viscerale, provoca un fenomeno molto diffuso nelle persone che si trovano in questa condizione fisica, che è l’apnea notturna. A causa di ciò si ha la sospensione temporanea del respiro normale, provocando un ulteriore carenza di ossigeno.

Un altro rischio respiratorio associato a queste due condizioni, e che contribuisce sempre più ad aumentare i livelli di ipossia, è l’ipoventilazione.  Infatti, le persone eccessivamente in sovrappeso, hanno una riserva bassa di ossigeno a livello polmonare. La conseguenza è che, a causa di questa bassa ossigenazione, per loro sarà ancora più difficile fornire ossigeno all’intero organismo.

Come prevenire e combattere l’ipossia causata da obesità e sovrappeso

Uno dei rimedi naturali molto efficaci per ridurre l’ipossia, e quindi per aumentare i livelli di ossigeno nel sangue, è l’ossigenazione cellulare.

Esistono integratori specifici, che dopo essere stati ingeriti e assorbiti dalle mucose, possono aumentare i livelli di ossigeno nei soggetti in carenza.

L’aumento di ossigeno all’interno dell’organismo renderà i movimenti respiratori più efficienti eliminando tutte le resistenze dovute alla presenza eccessiva di tessuto adiposo.

Inoltre, l’ossigenazione cellulare permette di riavviare i processi metabolici, utili all’organismo a smaltire il grasso in eccesso e a trasformare il glucosio in fonte di energia immediatamente utilizzabile e facilmente smaltibile.

 

Tags: , , , , , ,

Contattaci