Nella gioia e nel dolore… devi esserci!

Ciao promoter!

Continua la nostra similitudine con il matrimonio. Sia chiaro, non voglio spaventarti, non stai decidendo di sposarti. Però il termine sposare si usa anche per l’espressione “sposare una causa” e, probabilmente, questa si addice di più. Sposare la causa consiste sia nello scegliere consapevolmente questo tipo di business, sia nel credere nei prodotti che offre l’azienda con cui collabori.

Nel caso di SynergyO2, si tratta di prodotti che possono cambiare la salute di chi li utilizza, quindi capisci che sposare la causa è importante. Ovviamente non significa credere ciecamente nel prodotto, quanto piuttosto informarsi ed essere consapevoli di come funziona, che effetti ha e in che modo deve essere assunto. Questo però fa anche parte della formazione quindi ne parleremo più avanti.

Eravamo concentrati sull’esserci, appunto, nella gioia e nel dolore. Significa che la persona a cui hai raccontato tutto quanto, a cui hai chiarito i dubbi e di cui hai atteso la risposta… ha detto di sì! A questo punto è importante che tu rimanga un riferimento importante per lei o per lui. Nella sua testa rappresenti l’affidabilità del prodotto, dell’azienda e di questo sistema di vendita. Ai suoi occhi sei il volto dell’azienda, quindi hai una responsabilità nei suoi confronti.

Questa responsabilità è un bene, non un peso, in quanto è alla base del meccanismo per cui questo porterà dei benefici anche a te (economici e non solo). Una volta consapevole di questo, sappi che il primo periodo sarà quello più impegnativo, in quanto ovviamente questa persona sarà alle prime armi e avrà bisogno di essere guidata. Non dovrai essere il formatore, quanto più una spalla sui cui poter fare affidamento. Anche solo per non scoraggiarsi, per far fronte ai primi no di cui abbiamo a lungo parlato.

Tutto il tuo lavoro per essere un Professionista con la P maiuscola ora viene a galla: potrai esserlo anche e soprattutto agli occhi delle persone a cui racconterai del tuo lavoro e di come sei diventato o diventata così competente in questo campo. Non è solo questione di essere percepiti come competenti, quanto più una questione di esserlo davvero, con numeri e prove che lo dimostrino.

Nessuno ti farà mai i conti in tasca (altro enorme vantaggio di questo lavoro), ma essere un Professionista di successo sarà innanzitutto un piacere per te, una soddisfazione personale che non ha eguali ed un potente strumento per portare altre persone sulla tua stessa strada. Questo dipende dal mindset, di cui parleremo presto, ed anche delle opportunità di guadagno, altro argomento interessante da snocciolare insieme.

Esserci per trasmettere affidabilità a chi sta cominciando questo percorso, indicandogli come anche lui o lei può diventare un professionista, ponendo l’accento sull’esperienza e sull’importanza dell’affrontare questo lavoro come un VERO lavoro, non come un modo per guadagnare tanto stando sul divano.

Sarai un po’ una guida, un riferimento. Te la senti?

Ciao promoter, alla prossima!